video
Leave a comment

Diohrà, “Riparto adesso”


La foggiana Angela Pinto, in arte Diorhà, ha coltivato la passione per la musica fin da bambina. Il suo esordio come cantautrice risale al 2013 mentre propone, in giro per le città d’Italia, brani in veste acustica. Si fa notare da subito per la sua voce calda e passionale. È da allora che sostituisce il suo nome anagrafico con Diorhà. Forte di due album inediti, ossia “Regole e sogni” del 2014 e “Riflesso” del 2016, nel corso degli anni l’artista ha vinto diversi premi, tra cui il “Premio Nazionale Donne d’autore”, grazie al singolo “Davanti a un caffè” e quello del “Music indie contest” per la migliore performance live. La sua vena poetica viene notata persino da Mogol, il quale seleziona il suo componimento poetico “Gli occhi dei bimbi” per la pubblicazione nell’antologia del premio “CET”. Speaker e ideatrice del programma “I music” su Radio 801, Diorhà ha nel suo curriculum, come ultimi lavori discografici, i singoli “Universi paralleli”, “Quello che non vedi”, nonché “Riparto adesso”, uscito il primo marzo di quest’anno.

Diohrà, Riparto adesso
“Riparto adesso” è un brano di quel pop all’italiana tanto gradito dal pubblico nostrano, nel quale il testo conta più del tessuto sonoro su cui è intagliato. Liricamente, la canzone raccoglie veri e propri “assiomi” non soltanto ad effetto, bensì credibili e profondi. Basti pensare a “Il torto più grande è tradire se stessi”. Grande verità. Nel brano, l’artista dichiara di voler trasformare “tutte le ferite nel coraggio delle risalite”, facendo capire senza mezzi termini che desidera alzare la testa e ricominciare a vivere, nonostante il male subito. “Con i torti e con gli errori ci scriverò canzoni” esprime il desiderio di voler lasciare che le offese e, appunto i torti subiti, le scivolino addosso, senza intaccarla, senza nemmeno toccarla. Grande forza d’animo. Interessante quando canta “Ho chiuso fuori il mondo coi giudizi e le sue ragioni”. In effetti non dev’essere il mondo a decidere che cosa è giusto fare o come è giusto essere, bensì noi stessi. È come dire “lasciamo pure che il mondo abbia ragione; io, tanto, vado avanti lo stesso”. “Ho ridisegnato spazi senza rabbia, senza inganni” è il programma cantato a squarciagola di una donna che fa piazza pulita di rancori, risentimento e sentimenti “corrosivi” per creare una realtà in cui il doppio gioco non esiste, bensì solo trasparenza e pace con se stessa. Tanto alla fine, canta Diorhà, “un sorriso vale più di tutto”.

Il sound radiofonico di “Riparto adesso” deve molto agli arrangiamenti puliti, impeccabili ed eleganti di Francesco Loparco (Sonopoli Studio – Foggia), il quale opta per una dinamica che parte piano, per poi allargarsi e farsi incalzante.
Efficace e in perfetta armonia con il brano è il video, girato e montato da Daniele Nania (SDN Videomaker). Il clip inizia con un breve conto alla rovescia, seguito da immagini dell’artista che esprime la sua creatività dipingendo con le dita fogli immacolati. Vi sono primi piani di Diorhà che canta percorrendo il giorno e la notte, la città e paesaggi naturali. Nel frattempo, i fogli immacolati si accendono di colori e di forme, i quali vanno ad invadere l’anima e la pelle della cantante e, conseguentemente, dell’ascoltatore.
Un altro singolo accattivante e di facile ascolto è “Riparto adesso”. Diorhà sembra proprio saperci fare con la stesura di brani gradevoli e adatti a passaggi radio.

Recensione a cura di Filippo Bombonato

Facebook: https://www.facebook.com/Diorharegoleesogni/
Instagram: https://www.instagram.com/diorha.official/
Spotify: https://open.spotify.com/artist/1FyPDpv4o5PYb9OvOTrhPA?si=hzHeA4iUTZiUyFu0hMkBcA

Rispondi