All posts tagged: Cantautrice

Deborah Xhako, Let me fall

Deborah Xhako, “Let me fall”

Da oggi è in radio e nelle piattaforme digitali “Let me fall”, il primo singolo di Deborah Xhako, cantautrice romana rivelazione dell’ultima edizione di “The Voice of Italy”: sonorità pop-elettroniche ed influenze “Future Bass”, un punto d’incontro tra due mondi che raccontano al meglio la matrice artistica di Deborah Xhako, rivelando elementi della sua forte personalità, la stessa che Francesco Renga aveva notato durante il talent show di Rai due, tanto da accostarla più volte a Dua Lipa. Oggi è online anche il videoclip, realizzato dal regista Emanuel Lo per Visonari Lab: https://youtu.be/13yooloVnJg “‘Let me fall’ è un brano intenso che parla di un amore malato e tormentato, un amore composto da quelle false convinzioni, che purtroppo troppo volte, sfociano nella violenza.” – continua la cantautrice romana di origini albanesi – “Era da tempo che sentivo l’esigenza e il bisogno di scrivere un brano che parlasse della storia di una ragazza che, come tante purtroppo, non riesce ad ammettere a se stessa quanto male questa le stia causando. Il progetto musicale, prodotto da Mapples Production …

Diorhà “Quello che non vedi”

Diorhà (all’anagrafe Angela Pinto), cantautrice foggiana, non è di certo un’artista alle prime armi. Forte di due album originali, Sogni (2014) e Riflesso (2016), nonché vincitrice del premio nazionale “Donne d’autore” nel 2016 con il brano “Davanti a un caffè” e speaker radiofonico, Diorhà ci regala un singolo decisamente immediato, ossia, “Quello che non vedi” (15 giugno 2018), un inno easy-listening al desiderio di rialzarsi dalle ceneri di una relazione problematica, senza torto né rancore, bensì decidendo di intraprendere un’altra strada, quella di “cantare la vita”. Il testo ci regala frasi molto evocative, tipo “Sai com’è sentirsi sola anche quando sono con te, quando anche il mio riflesso se ne frega ormai di me” e ancora “Non sarò mai l’ideale, la regina e tu il mio re, inguaribile difetto di non esser come te”. Da un punto di vista prettamente vocale, la voce e il suo approccio canoro ricordano molto Giusy Ferreri e qualcosa di Nina Zilli, però con meno fronzoli e cliché esterofili. Il tessuto musicale, il quale deve molto agli arrangiamenti impeccabili di …

Francesca Atzei “Burnin’”

Dopo aver interpretato magistralmente diverse cover di artisti celebri quali Lady Gaga (Million reasons), Ed Sheeran (Thinking out loud), Sia (The greatest), Justin Timberlake (Can’t stop the feeling) e molti altri, accompagnate da video di ottimo livello qualitativo (disponibili sul suo interessante canale Youtube https://www.youtube.com/channel/UC5IqAQdw6xLr7BTjo32-8eg/videos), Francesca Atzei esce con un singolo scritto ed interpretato da lei stessa. La produzione di “Burnin’” e del relativo videoclip ha impiegato parecchio tempo prima di portare i suoi frutti maturi, ma ne è valsa sicuramente la pena. “Burnin’” è un brano non solo cantato in inglese bensì una canzone pop composta secondo gli stilemi del pop britannico ed americano. Ascoltandolo, non si ha certo la sensazione di “avere in cuffia” la traccia di una cantautrice italiana, semmai la hit-single di una stella emergente d’oltremanica o di oltreoceano. Se si volesse associare lo stile della Atzei a quello di nomi più famosi del panorama musicale internazionale verrebbero probabilmente in mente Mazzy star, Lana del Ray, Portishead ed altri con sonorità simili. C’è pure parecchio dello stile di Elisa Toffoli prima …

Laura Bono ci racconta il suo “Segreto”

“Segreto“ è il titolo del nuovo album e del singolo uscito il 27 novembre 2015 della cantautrice Laura Bono. L’abbiamo intervistata per farci raccontare il nuovo disco. Ciao Laura, raccontaci del tuo nuovo album “Segreto“. Quali emozioni hai provato tornando nella scena discografica in veste di cantautrice e produttrice? Le emozioni sono tante, e tanta anche la passione con cui ho partecipato alla scrittura e alla produzione di segreto. Oggi finalmente dopo 5 anni è uscito e io scoppio di felicità. La tua raccolta fondi su MusicRaiser ha riscosso grande successo. Come ti sei sentita nel ricevere una così concreta e forte dimostrazione d’affetto e stima nei tuoi confronti da parte dei tuoi fans? Mi sono sentita investita da un affetto senza ritorno. Loro sono i miei pezzi di cuore davvero mica per ridere, e me lo dimostrano in ogni modo anche quando si è trattato di aderire alla campagna di crowdfounding, così come quando fanno chilometri e chilometri per venirmi a sentire in concerto, o standomi costantemente vicino sui Social. Il loro affetto arriva …

“Il profumo di un’era”, Amelie

Nel disco “Il profumo di un’era” ci sono lati nuovi rispetto al passato: sfumature più rock, a tratti noir, ma anche influenze elettroniche, orchestrali e acustiche. Un disco in cui Amelie ha voluto “giocare” con i suoni, con le atmosfere, con i mondi che la influenzano musicalmente, artisticamente e umanamente. Le tematiche affrontate sono sicuramente più concrete, più “critiche” e in alcuni casi anche più intime, riflessive e “spirituali”. Ci sono riferimenti ad “Ere” passate dominate dai ricordi (“Il profumo di un’era”, “Col naso all’insù”, “Milano”), riferimenti ad “Ere” attuali (“Il nuovo mostro”, “L’alieno delle 3”, “Un’altra vita”), ad “Ere” personali ed esistenziali (“Messaggi”, “Zero”, “Dicembre”, “Che cosa c’è”, “Polaroid”) fino ad arrivare a viaggiare con la fantasia in “Ere future e virtuali” (“Mondobit”, “Ti ho ucciso con un click”). Un’avventura e un racconto musicale alla ricerca della propria “Era”, quella migliore, che permette di ritrovarci dopo esserci persi. Un viaggio nelle difficoltà, nei momenti bui, nei lati crudeli e superficiali della società attuale e del nostro animo, ma soprattutto un viaggio anche nei tempi migliori che ci hanno permesso di crescere ed …

“Ti presento Maverick”, Veronica De Simone

“Ti presento Maverick” è il titolo del disco d’esordio di Veronica De Simone, giovane cantautrice massese. Prodotto da Pietro Cantarelli e 1StaR.it per la Universal Music, è uscito nei negozi e in tutti i digital stores il 20 Febbraio 2014, in concomitanza con la partecipazione dell’artista alla 64° edizione del Festival di Sanremo, in gara nella sezione “Nuove Proposte” con la canzone “Nuvole che passano”. L’album si compone di 9 brani inediti scritti da diversi autori e dalla stessa Veronica De Simone. Nello specifico le firme presenti nel disco sono: Pietro Cantarelli (“Nuvole che passano”), Veronica De Simone (“Tutto l’amore che ho”, “Mondomio”, “La strada” – in collaborazione con Gaetano Civello, “Nati liberi”), Niccolò Agliardi ed Ermal Meta (“A ridere di tutto”), Niccolò Fabi (“Lontano da me”), Emilio Munda e Piero Romitelli (“Puoi scegliere”), Francesco Palazzolo e Roberto Zappalorto (“I semplici valori”). “Ti presento Maverick” è un disco caratterizzato da vari stili musicali: ballad, pop, pop-rock, cantautorato, reggae, pop acustico. La voce di Veronica si destreggia egregiamente in tutti i brani, le sue capacità interpretative …

“Gli scoiattoli nel bosco”, Chiara Ragnini

Chiara Ragnini racconta: “Gli scoiattoli nel bosco“, primo singolo che anticipa l’uscita del disco Il Giardino di Rose, è nata alcuni mesi fa e affronta in chiave ironica il tema della convivenza e degli alti e bassi che possono nascere durante il rapporto di coppia. Ho scelto così di affrontare il tema con ironia e ambientare il video che la rappresenta in un contesto che poco c’entra con la canzone ma che possa così accompagnare il brano senza essere invadente. Il video è stato girato nel parco di Villa Ormond a Sanremo, fra rose e palme: un connubio che ben si sposa con il tema generale del disco e che offre un’atmosfera delicata, sensuale e raffinata. Contatti e link di Chiara Ragnini: Sito ufficiale – Facebook – Twitter – YouTube – iTunes – Spotify – SoundCloud GLI SCOIATTOLI NEL BOSCO Gli scoiattoli nel bosco si nascondono al mio passo sarà il tono della voce oppure questa cicatrice questo mio voler fuggire o questo tuo voler capire non c’è tempo per le scuse io non resterò …

“Pur che se ne parli”, Angelica Lubian

Angelica Lubian racconta: “Pur che se ne parli” è una riflessione sulla frenesia di volersi mostrare ad ogni costo, di voler esibire qualcosa di sé, non si sa bene cosa; un pò come il bambino che scalpita per farsi ascoltare ma poi, ottenuta l’attenzione, si dimentica quel che doveva dire. Mettere in mostra una facciata di convenienza e finire per dimenticare se stessi, non ricordare chi si è veramente e cosa si desidera. È una canzone critica ma vorrei fosse un piccolo spunto propositivo per riflettere sul fatto che spesso perdiamo di vista i nostri obiettivi (degni di tale nome), lasciandoci sedurre da mete effimere, sprecando così quel bene prezioso che è il nostro tempo. Trovare qualcosa che ci scaldi il cuore, che ci riempia di passione e di gioia è una bella fortuna e penso che le più grandi soddisfazioni siano frutto di dedizione e impegno, attingendo ai propri talenti e coltivandoli. Il video della canzone è stato girato sulle pendici delle prealpi friulane, in una zona da cui si gode di una spettacolare vista …